Traversata dalla VAL SARENTINO all’ALPE di VELTURNO

Escursioni estive
Domenica 7 Ottobre 2018 05:00

Chi vuole andare in Val Sarentino, deve prima oltrepassare una profonda gola. Attraverso curve strette, passando tra rocce frastagliate e perforate da numerose gallerie, la strada mesta vi porta a scoprire questa splendida valle. All’improvviso essa si allarga, e concede ampio spazio a pascoli e boschi. Un’imponente scenografia d’innumerevoli picchi dei monti circostanti, incornicia la Val Sarentino in tutta la sua lunghezza, dall’imbocco della gola della valle fino al Passo Pennes. Lontana, isolata dalla frenesia dei nostri tempi, la valle accoglie i suoi visitatori in uno degli angoli, fra i più autentici dell’Alto Adige.

 Programma:
“Li storici” della nostra sezione, asseriscono che in questi luoghi il C.A.I. Dueville non abbia mai messo piede. Orgogliosi di essere i primi a farlo, scopriamo questa zona iniziando la traversata dal comune di S. Martino (Reinshwald), a m.1492 di quota; dagli impianti di risalita prendiamo il sentiero n. 7 che, in meno di 3 ore ci porta al punto di massima elevazione di giornata: il Latzfonser Kreuz/Rifugio Santa Croce, m.2350; luogo di straordinario fascino.

Accanto al rifugio, sorge l’omonimo santuario, costruito in forme neogotiche. E’ il santuario più alto in Europa e la sua storia inizia molto prima di quella del rifugio. Nel 1700 si ergeva sulla sommità una croce, rappresentante il crocefisso del Cristo Nero. Circa quarant’anni dopo, si rese possibile la costruzione di una piccola cappella votiva. Un secolo dopo si ampliò l’edificio costruendo il santuario attuale, che ancora oggi rappresenta un amato luogo di pellegrinaggio, in particolare il 22 luglio, giornata in cui si celebra la festa religiosa dedicata a Santa Maria Maddalena.

Dopo il pranzo a sacco o, nell’accogliente rifugio, inizieremo la lunga discesa, passando per il rifugio Chiusa e arrivando al pullman nel paese Velturno, sull’Alpe omonima, soleggiato rilievo della valle Isarco, luogo sconosciuto ai più.

Iscrizioni: Venerdì 21 e 28 Settembre

NON SI ACCETTANO ISCRIZIONI PER TELEFONO O PER E-MAIL

 
Orario di partenza
ore 05.00 da Dueville – Piazza Monza
Mezzo di trasporto
Pullman
Difficoltà
E - Escursionistico
Dislivello
m. 900↑ - 1300↓
Tempo totale escluso soste
ore 6,30/7,00
Riferimento cartografico
Tabacco 040
Accompagnatori
Gian Carlo Carollo 348 2945458 - Graziano Colpo 339 2082471
 
 

News

Calendario escursioni

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

50 anni di storia

Cai Dueville 50 anni di storia

NOVITA'

E' disponibile in PDF la storia della sezione del CAI di Dueville

Attività culturali

23 Novembre 2018, 20:45
Settembre 1991, sul ghiacciaio del Similaun in Alto Adige viene scoperto il corpo di un uomo risalente ad oltre 5000 anni fa. Estate 1972, dal
05 Febbraio 2019, 20:30
ARRIVEDERCI ALLE SERATE CULTURALI DEL FEBBRAIO 2019

Notizie dalla sede CAI

Iscrizioni alle escursioni con il pullman
Martedì, 05 Aprile 2016
Come già indicato al punto 3) del Regolamento Escursioni si ricorda che le iscrizioni alle escursioni dove è previsto l’utilizzo del pullman Leggi tutto...
Regolamento Escursioni
Martedì, 05 Aprile 2016
Nel "PROGRAMMA" delle attività sociali della Sezione di Dueville è riportato il "REGOLAMENTO ESCURSIONI" valido per l'anno in corso. Leggi tutto...

I soci raccontano

IMAGE Majella mon amour
Lunedì, 30 Luglio 2018
Abruzzo meridionale, Maja, la montagna femmina, pagana. Un giro preparato in tre anni, desiderato da tempo. Leggi tutto...
Pedalando lungo un grande fiume
Martedì, 28 Giugno 2016
Ho pensato che, in qualità di Presidente della Sezione, sia opportuno che io “rompa il ghiaccio” e faccia partire questa rubrica del nostro sito... Leggi tutto...